L’Analisi dei quadranti ICT valuta i comuni piemontesi sulla base di macro-indicatori relativi alle tematiche dello sviluppo socio-economico, dell’offerta ICT e dell’investimento in ICT.

Perchè non limitarsi alle tematiche del digitale? Già con la strategia di costruzione del Mercato Unico Digitale 2014-2019 la Commissione Europea ha posto l’accento sull’importanza del recepimento delle nuove tecnologie da parte dell’Economia e della Società, per sfruttare al massimo gli impatti positivi che esse possono generare. La costruzione di un DESI index regionale per il Piemonte è stato un primo passo per il monitoraggio di queste dinamiche a livello sub-nazionale. La nuova Analisi dei quadranti ICT mira invece al monitoraggio annuale del territorio per rispondere alla seguente domanda: le tecnologie digitali possono aiutare a colmare il divario tra i territori e a ridurre a marginalità socio-economica e strutturale dei comuni piemontesi? Di seguito i risultati per il 2020.

Offerta ICT

L’indicatore composito di offerta ICT tiene conto sia della connettività ICT (copertura rete fissa e mobile) che della qualità dei servizi digitale erogati della PA nei confronti di cittadini e imprese (wi-fi pubblici e interattività dei servizi digitali)

Investimento ICT

L’indicatore composito di investimento ICT monitora gli stanziamenti sul territorio del piano Banda Ultra e la spesa ICT effettuata dalle pubbliche amministrazioni locali (utilizzati i pagamenti dei comuni e delle unioni di comuni).

Sviluppo comuni

Per analizzare il livello di sviluppo socio-economico dei comuni piemontesi sono stati ricalcolati gli indicatori di marginalità dei comuni piemontesi, riproponendo, con alcuni adeguamenti, la metodologia identificata da Ires Piemonte nel 2009.