La “Rilevazione sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle Pubbliche amministrazioni” (indagine ICT nella PA) analizza la diffusione e il grado di utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle pubbliche amministrazioni locali (PAL). Il questionario 2018 è suddiviso in sei sezioni riguardanti: informazioni strutturali e organizzative dell’ente, dotazioni tecnologiche e utilizzo di reti e connessioni, informatizzazione delle attività, utilizzo di servizi telematici per l’acquisto di beni e servizi, utilizzo di open data e riuso del software, livello di disponibilità dei servizi offerti sul sito web, introduzione di innovazioni tecnologiche avanzate e fattori che hanno inciso sul processo di trasformazione digitale dell’Amministrazione.

L’indagine ha coinvolto le pubbliche amministrazioni locali piemontesi, nello specifico: Comuni e Unioni montane di Comuni, Comunità montane, Province e Regione Piemonte. Sono stati intervistati 1265 enti e il tasso di risposta è stato superiore al 90%.

I fattori abilitanti: capitale umano e dotazioni ICT

Capitale umano e dotazioni fisiche sono gli ingredienti più importanti per ottenere servizi digitali di qualità da parte della Pubblica amministrazione. Cosa succede sul territorio piemontese?

La digitalizzazione interna della PA

Qual è lo stato della digitalizzazione di procedure e applicativi interni alla PA? di seguito un focus sull’informatizzazione delle attività delle PAL, sull’utilizzo dei servizi di cloud computing e sul ricorso all’e-procurement.

I prodotti e i servizi digitali della PA

Uno sguardo alla fornitura di servizi digitali da parte delle PAL piemontesi, con un focus sul livello di interattività dei servizi online e sulla presenza sul territorio di free wi-fi e open data.